È stato dopo una mareggiata, nascosta sotto cumoli di legno e alghe, che ho visto spuntare un ramo dalla forma particolare. Quando sono riuscito a liberarla, è apparsa in tutta la sua bellezza testimone di come la natura sappia creare movimenti unici. L’unione del ferro ne ha accentuato la bellezza.

Nome opera: Istrice
Anno: 2015
Descrizione: console
Luogo di ritrovamento: Bocca d’Arno – Gombo
Numero di serie: 150701
Dimensioni: 170 x 80 x 93 cm
Collaborazioni:  Andrea Nardi luce &  arte – Chiara Ruggieri

Trattamento

Smalto trasparente – Cera

– ISTRICE –